ΤΑ ΚΕΛΛΙΑ ΤΗΣ ΤΗΝΟΥ

ΤΑ ΚΕΛΛΙΑ ΤΗΣ ΤΗΝΟΥ
Και στα Κελλιά με χρώματα άσπρα και ήλιο μεθούν

lunedì 20 novembre 2017

Al liceo classico G. B. Vico di Napoli si sperimenta la didattica -in compresenza e in orario curricolare- del greco antico e del greco moderno.


Φέτος στο Κλασικό Λύκειο G. B. Vico της Νάπολης διδάσκονται στους πρωτοετείς τα Αρχαία Ελληνικά και πειραματικά τα Νεοελληνικά στα πλαίσια ενός πρωτότυπου προγράμματος που εφαρμόζεται για πρώτη φορά σε ένα Κλασικό Λύκειο στην Ιταλία.

Anche quest'anno in alcuni licei classici di Napoli e Campania sono iniziati i corsi di greco moderno, come l'anno scorso.
Qualche giorno fa sono stati consegnati gli attestati di certificazione della conoscenza agli studenti liceali che hanno partecipato agli esami finali per il livello A1, organizzati a Napoli dal Ministero della Pubblica Istruzione della Grecia, presso il Centro d'Esami della Comunità Ellenica di Napoli e Campania. 
Tutti gli studenti iscritti dei licei classici Umberto I di Napoli e Quinto Orazio Flacco di Portici hanno ottenuto il massimo dei voti.
Dal 2016 la città di Napoli è all'avanguardia  nella promozione e diffusione della lingua greca, grazie agli sforzi della Comunità Ellenica e alle sinergie avviate con i licei classici.
La partecipazione degli studenti dei licei classici di Napoli e Campania alle due indimenticabili Giornate Mondiali della Lingua Greca (2016 e 2017) ha contribuito al successo dell'iniziativa per l' istituzione della Giornata Mondiale della Lingua Greca.
Quest'anno parte sempre a Napoli la sperimentazione di un progetto unico nel suo genere.
La classe 1A Cambridge del Liceo Classico G. B. Vico ha iniziato a studiare, in orario curricolare, il greco antico e il greco moderno in compresenza, con una co-programmazione tra il docente di materie letterarie, prof.ssa Bianca Teresa Iaccarino e il docente madrelingua di greco moderno, prof. Ioannis Korinthios.



L’inserimento della didattica del greco moderno a fianco delle ore curricolari di greco antico nel liceo Vico di Napoli costituisce un notevole passo in avanti. 
Il corso vuole spalancare una finestra sulla lingua greca moderna per capire le radici antiche della lingua e proiettarsi nel nuovo.
Questo progetto sperimentale introduce un approccio attivo, puntando a valorizzare la conoscenza della lingua greca in diacronia, perché la competenza nella lingua moderna facilita gli studenti nello sviluppo di competenze attive e passive nella lingua antica e viceversa.

domenica 19 novembre 2017

Γ. Μπαμπινιώτη: «Σύγχρονη Σχολική Γραμματική για όλους».



Ο ομότιμος καθηγητής του Πανεπιστημίου Αθηνών Γ. Μπαμπινιώτης προτείνει μια νέα προσέγγιση της γραμματικής που στηρίζεται στα πορίσματα της σύγχρονης γλωσσολογίας




Εκδόσεις Κέντρο Λεξικολογίας, 2017
σελ. 480, τιμή 36 ευρώ
Φυλλομετρήστε τη ΝΕΑ «Σύγχρονη Σχολική Γραμματική για όλους» που κυκλοφορεί τον Οκτώβριο εδώ
http://www.babiniotis.gr/wmt/userfiles/File/sxol_grammar.pdf

Classic Greek Dictionary - Hoepli








The app Grande Dizionario Greco Classico by Jannis Korinthios aims to reconcile a scientific treatment with a clear, comprehensive and simple explanation, following the latest spreading and communication forms; it is mainly intended to satisfy the needs of classical secondary school and university students.

Designed with innovative graphical and textual features, the dictionary stands out because of the abundance of entries, and the comprehensiveness of verbal paradigms, constructions, phraseology, and idioms.

This dictionary is a definitive tool for the modern study of ancient Greek, away from both oversimplification and complexity, allowing effortless consultation to a wide range of users. The entry list includes all words used by authors commonly studied in secondary schools specializing in classical studies. Translations have been chosen in order to respect the current use of Italian language.

Technical Data
• Compatible with smartphones and tablets Android 4.x and later versions
• User interface in Italian and English
• Over 140,000 entries
• 7,500 verbal paradigms and inflected forms
• 25,000 constructions
• 13,500 phrases and proverbs
• 4,500 synonyms and antonyms
• 750 Greek prefixes and suffixes used in Italian

Main Features
• Complete offline use
• Index: displays in alphabetical order all theGreek entries that match the characters you entered
• Search: allows to search the phraseology and full text
• In Portrait mode, ability to scroll the definitions to the right to return to the list of entries or search results
• Ability to change the font size of the definitions

For any suggestions, feedback, and other information about our products, please contact us at apps@edigeo.it

Follow us on our Facebook page at https://www.facebook.com/edigeosrl


domenica 12 novembre 2017

Dizionario Greco Classico Hoepli


ΤΑ ΕΚΠΑΙΔΕΥΤΗΡΙΑ ΣΥΓΧΡΟΝΗ ΠΑΙΔΕΙΑ ΕΠΙΣΚΕΠΤΟΝΤΑΙ ΣΤΗ ΝΑΠΟΛΗ ΤΗΝ ΕΚΘΕΣΗ ΤΗΣ ΕΛΛΗΝΙΚΗΣ ΚΟΙΝΟΤΗΤΑΣ ΓΙΑ ΤΗΝ ΚΑΤΑΣΤΡΟΦΗ ΤΗΣ ΠΟΛΙΤΙΣΤΙΚΗΣ ΚΛΗΡΟΝΟΜΙΑΣ ΤΗΣ ΚΥΠΡΟΥ


Τα
Εκπαιδευτήρια ΣΥΓΧΡΟΝΗ ΠΑΙΔΕΙΑ
(Καρέα, Βύρωνα Αττικής)
επισκέπτονται και ξεναγούνται
στην Έκθεση  της Ελληνικής Κοινότητητας
Νάπολης και Καμπανίας
ΚΥΠΡΟΣ ΑΠΑΓΟΡΕΥΜΕΝΗ ΜΝΗΜΗ
Η έκθεση, που διοργανώνεται από την Ελληνική Κοινότητα Νεαπόλεως και Καμπανίας σε συνεργασία με τον Δήμο Νεαπόλεως, το Βυζαντινό Μουσείο και Πινακοθήκη του Ιδρύματος Αρχ. Μακαίρου Γ’, την Εταιρεία Κυπριακών Μελετών και που τελεί με την αιγίδα της Κυπριακής Πρεσβείας στην Ρώμη,έχει ως θέμα την καταστροφή της πολιτιστικής κληρονομιάς στο βόρειο τμήμα της Κύπρου που βρίσκεται υπό τουρκική κατοχή από το 1974. Θα παρουσιαστεί επίσης και το φαινόμενο των χιλιάδων έργων τέχνης προερχόμενων από μνημεία διαφόρων χριστιανικών δογμάτων και μη που φυγαδεύτηκαν στο εξωτερικό, τις περιπτώσεις επαναπατρισμού όπως και το λεπτό έργο αποκατάστασης.








venerdì 10 novembre 2017

Η γλώσσα είναι σαν ένα χοντρό παλαμάρι που μας συνδέει με το παρελθόν. Με τον Ομηρο, τον Αριστοτέλη, τους Πατέρες της Εκκλησίας, τον Παπαδιαμάντη και τον Σολωμό.

Για τη γλώσσα

elliniko-alfavito.jpg

Αλφάβητο στον μαυροπίνακαhttp://www.efsyn.gr/arthro/gia-ti-glossa

Παρακολουθώντας μια εκπομπή στο Κανάλι της Βουλής για παράσταση του Φεστιβάλ Επιδαύρου άκουσα θεατρολόγο να μιλά αναλύοντας την άποψη της παράστασης για το έργο και τα ελληνικά που άκουσα δεν ήταν και τα καλύτερα. Αυτό, βέβαια, για μένα δεν ήταν έκπληξη.
Ασχολούμενος χρόνια με τα εκπαιδευτικά στον χώρο μας διαπιστώνω την απόσταση που χωρίζει τους νέους μας από τη σωστή χρήση της γλώσσας. Θα ισχυριστεί κάποιος (πιο μοντέρνος βέβαια από μένα) ότι το ζητούμενο είναι να συνεννοούμαστε και όχι να μας δεσμεύει η γραμματική και το συντακτικό.
Είναι φυσικά η εύκολη απάντηση των ημιμαθών. Η γλώσσα είναι σαν ένα χοντρό παλαμάρι που μας συνδέει με το παρελθόν. Με τον Ομηρο, τον Αριστοτέλη, τους Πατέρες της Εκκλησίας, τον Παπαδιαμάντη και τον Σολωμό. Δηλαδή, με την Ιστορία και τη ζωή των προγόνων.
Χωρίς τη σύνδεση αυτή το μέλλον μας θα είναι ένας συρφετός νοηματικής. Μιας περιορισμένης γλωσσικής συμπεριφοράς που θα μας οδηγεί στη συνεννόηση αλλά όχι στην επικοινωνία. Διότι η επικοινωνία προϋποθέτει τη σκέψη. Διότι όταν μιλούμε παράγουμε σκέψη και στον εαυτό μας και στους ακροατές μας.
Μεγάλη ευθύνη έχει η επίσημη παιδεία. Το μάθημα της Λογοτεχνίας και το μάθημα της Εκθεσης Ιδεών έχουν υποβαθμιστεί όχι μόνο από το σχολείο αλλά και «μέσα μας». Οι δημοσιογράφοι των ραδιοφωνικών και των τηλεοπτικών εκπομπών έχουν μεγαλύτερη ευθύνη.
Προσδίδουν αρκετά συχνά στη γλώσσα μια αγένεια, η οποία αιχμαλωτίζει προσωρινά τον ακροατή αλλά δεν τον συγκινεί. Χωρίς τη γνώση της γλώσσας μας είναι αδύνατον να επικοινωνήσουμε με την Ιστορία και το παρελθόν της χώρας μας. Παρελθόν που επικαλούμαστε πολύ συχνά όποτε μας συμφέρει αλλά αγνοούμε παντελώς διότι φοβόμαστε να συγκριθούμε μαζί του.
Θα θυμίσω στους παλαιότερους και θα προτρέψω τους νεότερους να ανατρέξουν σε ομιλίες και γραπτά παλαιοτέρων πολιτικών, όλων των παρατάξεων. Ενδεικτικά αναφέρω τον Γεώργιο Παπανδρέου, τον Παναγιώτη Κανελλόπουλο, τον Κωνσταντίνο Τσάτσο, τον Ηλία Ηλιού, τον Γιάννη Πασαλίδη, τον Γρηγόρη Γιάνναρο, τον Λεωνίδα Κύρκο.
Για την πολιτική τους προσφορά κρίνονται από την Ιστορία. Η παιδεία τους όμως ήταν σίγουρα αντάξια της πατρίδας του ευρωπαϊκού πνεύματος.

domenica 29 ottobre 2017

“Senza memoria non esiste civiltà e il nostro dovere è non dimenticare", ha esordito l'Ambasciatore di Cipro in Italia Tzionis all'inaugurazione della MOSTRA CIPRO-MEMORIA INTERDETTA

"Cipro - Memoria interdetta", più di cento persone all'inaugurazione della mostra

"Cipro - Memoria interdetta", 

più di cento visitatori per l'inaugurazione della mostra


http://www.napolitoday.it/cultura/cipro-memoria-interdetta-inaugurazione.html


Accademici e istituzioni hanno discusso del recupero e rimpatrio delle opere d'arte distrutte dopo l'occupazione del regime turco della parte nord dell'isola di Cipro. "Il nostro dovere è non dimenticare", ha esordito l'Ambasciatore di Cipro in Italia Tzionis









Al di là dei numeri, a confortare è la grande attenzione su un tema delicato. Più di cento persone hanno affollato la Chiesa di San Severo al Pendino, in via Duomo, per l’apertura della Mostra su Cipro dal titolo “Memoria interdetta”. “Cipro – Memoria interdetta”racconta la distruzione del patrimonio culturale dell’isola di Cipro seguita all’occupazione turca del 1974. Un processo di dissoluzione dell’identità cipriota che fu sistematico: chiese convertite in moschee, opere d’arte trafugate, cimiteri distrutti, villaggi rasi al suolo, lo spostamento di nuovi abitanti dall’Anatolia che dovevano “rimpiazzare” i ciprioti. Il convegno di presentazione è stato animato dagli interventi dell’Ambasciatore di Cipro in Italia Tasos Tzionis, dal Direttore del Museo Bizantino di Nicosia Ioannis Eliades, dal Presidente della Società di Studi Ciprioti Charalampos Chotzakoglous, moderato dal Presidente della Comunità Ellenica di Napoli e Campania Paul Kyprianou e preceduto dai saluti istituzionali del Presidente del Consiglio Comunale di Napoli Sandro Fucito. 
“Senza memoria non esiste civiltà”, ha esordito l’Ambasciatore Tzionis. “Nell’autoproclamata Repubblica turca di Cipro del Nord si vuole uccidere la memoria, uccidere la storia con l’uso della violenza. Ma il motto principale dei ciprioti che si schierano contro quel crimine è ‘Non dimentico’. E questo è il dovere delle persone civili contro chi nega la libertà”. “Noi ci auguriamo la riunificazione”, ha spiegato il Presidente della Società di Studi Ciprioti Chotzakoglous, che ha poi sottolineato gli sforzi del suo ente, in collaborazione con le istituzioni cipriote e l’Interpol, per rimpatriare le opere d’arte trafugate e vendute in tutto il mondo. Il direttore del Museo Bizantino di Nicosia, Eliades, ha evidenziato un ulteriore punto di contatto nel legame millenario tra cultura ellenica e Napoli: nel Museo Nazionale partenopeo si trovano alcune opere rimpatriate, il cui ritorno è stato possibile anche grazie alle battaglie dei ciprioti per ottenere “i tasselli di un mosaico che è la nostra memoria, che è stata interdetta dopo l’occupazione turca”. Eliades ha voluto lanciare un messaggio di speranza: “A Cipro il popolo festeggia ogni piccola icona, ogni opera d’arte che torna in patria. Stiamo recuperando la memoria”.
Al termine del convegno l' esibizione dell’ensemble di musica ellenica “Xenitià”, con una commovente interpretazione del brano "Hrisoprasino fillo". La mostra resterà aperta al pubblico fino a martedì 14 novembre.


Potrebbe interessarti: http://www.napolitoday.it/cultura/cipro-memoria-interdetta-inaugurazione.html

venerdì 27 ottobre 2017

CIPRO LA MEMORIA INTERDETTA. TRACCE AMALFITANE di Lucio Esposito - 27 ottobre 20170


http://www.positanonews.it/articolo/3209727/cipro-la-memoria-interdetta-tracce-amalfitane
Appena reduci dal viaggio a Cipro, quali inviati di Positanonews, alla ricerca di tracce degli Amalfitani al tempo delle repubbliche Marinare, offriamo quale supporto e affiancamento a questa mostra gli scatti realizzati in tutta l’isola di Cipro sia parte turca che greca. Il problema è grave, le bellissime strutture medievali sono ridotte allo stato di rudere. Nella città di Famagosta, ove è stato arcivescovo l’amalfitano Cesario D’Alagno dal 1211 al 1222, solo il castello e la sede vescovile medievale, divenuta moschea,è stato preservato, i resto sono ruderi alla mercè di tutti. Lo sfregio è nel riuso commerciale di mura ancora in piedi, un bar con tanto di tavoli nella chiesa gotica di San Francesco. Nel passeggiare tra le strade di Famagosta, ma anche di Nicosia, sale alla gola un urlo senza eco. Questa mostra potrebbe essere uno scuotere la comunità europea, che comunque in alcuni casi sta intervenendo con fondi per la restaurazione.
L'immagine può contenere: spazio all'aperto

L'immagine può contenere: spazio all'apertoL'immagine può contenere: spazio all'aperto
L'immagine può contenere: spazio all'aperto
L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto
L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto
L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto
L'immagine può contenere: spazio all'aperto e natura
L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto
Nessun testo alternativo automatico disponibile.
L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto
L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto
Nessun testo alternativo automatico disponibile.
L'immagine può contenere: spazio all'aperto
L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto
L'immagine può contenere: cielo, albero e spazio all'aperto
L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto
L'immagine può contenere: spazio all'aperto
L'immagine può contenere: spazio all'aperto
L'immagine può contenere: spazio all'aperto
L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto
L'immagine può contenere: spazio all'aperto
L'immagine può contenere: spazio all'aperto




La Comunità Ellenica di Napoli e Campania è lieta di informare i propri soci ed amici che il 28 ottobre prossimo verrà inaugurata la mostra documentaria col titolo “Cipro: memoria interdetta”, ospitata gentilmente dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli presso il Complesso Monumentale di San Severo al Pendino.
Organizzata dalla Comunità Ellenica di Napoli e Campania in collaborazione con il Comune di Napoli, il Museo Bizantino e Pinacoteca della Fondazione Arciv. Makarios III, la Società degli Studi Ciprioti e con il patrocinio dell’Ambasciata di Cipro a Roma, la mostra illustrerà la distruzione del patrimonio artistico ed architettonico nella parte nord dell’isola, controllata dal 1974 dalle truppe di occupazione turche. Verrà inoltre trattato il tema delle migliaia di opere d’arte trafugate all’estero provenienti da monumenti di varie confessioni cristiane e non, i casi di rimpatrio ed il delicato lavoro di restauro.
L’inaugurazione della mostra sarà preceduta da un convegno sullo stesso tema che verrà riunite, presso la sagrestia dello stesso Complesso Monumentale, varie personalità del mondo accademico e diplomatico italiano e cipriota, tra cui Tasos Tzionis, Ambasciatore di Cipro a Roma, Ioannis Eliades, Direttore del Museo Bizantino e della Pinacoteca della Fondazione Arcivescovo Makarios III, Charalampos Chotzakoglou, Presidente del Consiglio Direttivo della Società degli Studi Ciprioti, il Gen. Brig. Fabrizio Parrulli a capo del Comando Carabinieri Tutela del Patrimonio Culturale, Luciano Garella, Soprintendente per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Comune di Napo